Blog: http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it

LA PATRIMONIALE DI SILVIO & GIULIO ( di Stefano Olivieri)

 

Dicevano di non volerla e sfottevano la sinistra che a loro dire la voleva resuscitare. Dicevano che l’Italia era solida, che il nostro risparmio (???) era solido, che le nostre banche erano immuni dalla crisi planetaria.

Dicevano tante altre cose che non ripetiamo per carità cristiana verso il popolo italiano. Ma un fatto è certo:dicevano menzogne. A cominciare da Tremonti, che si è vantato per due anni di aver predetto la crisi prima degli altri ministri europei e di aver messo i nostri conti in sicurezza. Tremonti sembrava il marchio di garanzia, il mantello magico sotto il quale, misteriosamente, la fragile Italietta avrebbe attraversato la crisi e raggiunto lidi tranquilli senza farsi divorare dai pescecani speculatori. Erano talmente sicuri al governo che sarebbe andata così, che l’Italia è stato l’unico paese a non mettere all’ordine del giorno la crisi mondiale in parlamento, un parlamento occupato ancora una volta a legiferare sulle occorrenze personali del suo premier.

Poi Tremonti è cominciato a vacillare, anche perché nel frattempo lo stesso premier lo aveva escluso dal suo circolo della fiducia. Prima delle elezioni amministrative il premier avrebbe voluto avere qualche spicciolo con cui confezionare qualcuno dei suoi famosi pacchi italiani, ma Tremonti ha stretto i cordoni della borsa e Berlusconi se l’è legata al dito.

Fatto sta che ormai, mentre Berlusconi litiga con Tremonti e Bossi sposta i ministeri al nord, la borsa italiana non fa che cascare giù un giorno sì e l’altro pure, e tutte le uova si sono ormai rotte. Perfino la Confindustria si è spaventata, la gente ritira i soldi dalle banche e torna a metterli sotto al materasso ma Berlusconi continua imperterrito a sorridere. Tremonti convoca il comitato di stabilità e lui invece convoca per domani il parlamento intero perché farà un annuncio dei suoi, ci dirà che tipo di frittata all’italiana intende cucinarci mettendo da parte il suo ministro dell'economia.

La verità è una sola, e non la dico solo ai poveracci che già avevano perso tutto da anni. Lo dico agli imprenditori, ai commercianti, a chi ha la grana e gioca in borsa, insomma al popolo del PDL: Berlusconi ha tradito tutti, ha tradito l’Italia e sta tradendo anche voi. Le perdite in borsa di questi giorni sono la peggiore tassa patrimoniale che un governo incapace e che sfugge dalle sue responsabilità vi avrebbe potuto regalare.

Se questo governo non va subito via, affonderà l’Italia.


Stefano Olivieri
http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it

Pubblicato il 2/8/2011 alle 13.28 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web