.
Annunci online

se sono partito ogni tanto devo pur tornare
25 maggio 2011
IL MINISTRO MANTENUTO (di Stefano Olivieri)
 

Andiamo ragazzi. Qui non c’entra la politica, l’ideologia, le falciemartello che inseguono Silvio anche di notte quando non è ottenebrato dalle toghe rosse. Questa vicenda di Scajola è così miseramente zozza da non riuscire a maneggiarla neanche per farne strumento di battaglia politica. Un ministro a busta paga per tutto, ma proprio tutto. Anemone gli dava il biberon da almeno dieci anni, provvedendo alle spese per l’autista, alle spese per l’elettricista, alla terra dei vasi, all’acquisto del frullatore di casa Scajola. Se ne potrebbe fare una fiction, una di quelle cose a puntate con le risate registrate ad ogni battuta dei protagonisti, e sono certo che la troupe degli “Sgommati” di Sky non si lascerà sfuggire una occasione così ghiotta. “Inconsapevole” potrebbe essere il titolo adatto alla serie, facciamoci su due risate che è meglio.

E poi però uno così condanniamolo all’ostracismo per sempre. Che si ritiri a vita privata e non abbia l’ardire di affacciarsi più alla vita politica di questo paese. Se ne stia rintanato dentro casa sua, che non è quella al Colosseo dove da qualche mese è tornato, alla chetichella. Quella casa l’ha acquistata Anemone, il suo munifico provider da almeno dieci anni. Se ne stia tranquillo, l'ex ministro - ligure per di più - di un'industra italiana che ha contribuito ad affossare. Penso alla Fincantieri di Genova, che rischia di chiudere perchè questo sciagurato governo non ha mai avuto una strategia; penso a quei poveri operai disperati, che perdono il posto di lavoro anche per un ministro imbelle e incapace come Scajola.

Purtroppo quel ministro, anche da ex,  lo stiamo ancora mantenendo noi tutti, continuandogli a pagare lo stipendio da parlamentare. E poi la pensione, quando sarà. E’ un po’ che abbiamo perso il conto di questa ribollita di ministri inutili, ma onerosissimi per la comunità, che il governo Berlusconi erutta ogni tanto per combattere i suoi maldipancia. Scajola, buttato fuori due volte e da qualche settimana di nuovo arrembante, forse perché vorrebbe arraffare ancora qualcosa prima che il ventennio azzurro volga al suo termine. E poi quel Brancher che è durato lo spazio di una firma, ma che certamente godrà di una qualche prebenda economica per questo suo essere stato nominato ministro per caso. Poi Bondi, che per mesi non si è fatto vedere al suo ministero perché era triste, forse per Pompei che cadeva a pezzi. Che poi i soldi per Pompei li hanno trovati, al solito modo, aumentando la benzina, spalmando il costo di questa immonda casta sulla povera e laboriosa gente di questo paese.

Ecco, se proprio Bossi ci tiene ai ministeri del Nord, io glieli darei pure, ma che si porti dietro anche ministri del genere. Ci metta Scajola alla cura della sua padania, vedrà che bei servizietti saprà rendergli l’inconsapevole. Inauguri, lo spernacchiatore senatur, un bel ministerone proprio a Cassano Magnago e lo affidi alle amorevoli cure di Bondi, così lo farà tornare di buon umore. E si porti dietro anche Tremonti, che ha appena detto che l'Italia è un paese ricco. Se questi non la smettono di sfottere la povera gente, finiranno male.

Siamo alla frutta, Italia. Ricordiamo di scrollarci le zecche di dosso e bonificare tutto il paese, prima di iniziare la ricostruzione.

Stefano Olivieri

http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. corruzione g8 scajola

permalink | inviato da Stefano51 il 25/5/2011 alle 9:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
arte
2 maggio 2010
Piano casa per giovani coppie, il governo vara la Scajolcard ( di Stefano Olivieri)
 

Finalmente arriva un segnale concreto dal governo. Le giovani coppie italiane di precari e cassintegrati potranno finalmente sposarsi e mettere su casa grazie all’impegno concreto messo in atto soprattutto dal ministro Scajola, da sempre sensibile alle tematiche giovanili.

Il governo vara la Scajolcard, con la quale si può acquistare qualsiasi immobile di pregio al prezzo di una casetta prefabbricata da giardino. Il meccanismo, che nasce dall’accordo consolidato fra il Ministero dello sviluppo de casa e la Cricca’s BanK, è stato testato per anni dal ministro Scajola in persona, a testimonianza della cura che mette l’esecutivo nelle tematiche sociali.

Stefano Olivieri
http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it/


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scajola case

permalink | inviato da Stefano51 il 2/5/2010 alle 9:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
23 febbraio 2010
LE SCORIE LE SEPPELLIREMO AD ARCORE (di Stefano Olivieri)
 

 

Ok, nucleare per tutti. Di terza generazione su modello finlandese, checcefrega se Obama dichiara di costruirne in sei anni una di quarta negli USA. Noi siamo italiani, abbiamo l’arte dell’ingegno, sappiamo cavare sangue dalle rape, basta vedere chi ci siamo scelti per presidente del consiglio. Fa nulla se abbiamo già fatto un referendum sul nucleare, fa nulla se il nostro paese pare fatto apposta per altre forme di energia (sole, mare e vento ad abundantiam; quanto al biogas, il governo dispone già di maiali da paura..), fa nulla se il ministro incaricato è Scajola . L’Italia, cioè Silvio, ha scelto il nucleare e non si discute, alla sicurezza ci penseranno i cervelloni della protezione civile italiana, quella che ci invidia il mondo intero, a parte le indagini di alcuni svergognati magistrati.

Ok, ok. Aspetteremo. Abbiamo tempo, siamo giovani. La livella di Totò ci aiuterà, vedrete. La stella cometa del PDL sta già scendendo sulla grotta, non può farne a meno perché le stelle nane hanno una vita breve. Fanno un sacco di luce, è vero, ma poi si affiochiscono e scendono giù rapidamente. E’ la natura e nessuno può farci niente, neanche Scapagnini. Aspetteremo, ci beccheremo il nucleare e anche, prima o poi, il funerale del premier.

Nel frattempo l’opposizione parlamentare scomparirà completamente, esausta dei troppi problemi che comporta il posizionamento politico. L’informazione verrà totalmente regolamentata e normalizzata, i tg saranno condotti dalla Ventura e dalla Zanicchi direttamente collegate dall’isola dei famosi. Il malcontento nel paese, non più supportato da sindacati e da partiti, si ingrotterà bruscamente per esplodere con inusitata violenza fra una decina d’anni. Ci sarà una dittatura comunista e il leader sarà nero, la padania verrà rasa al suolo e i suoi capi costretti a raccogliere pomodori a Villa Literno.

I rifiuti delle centrali di Scajola saranno raccolti e recapitati ad Arcore in un gran villone requisito dal nuovo governo rivoluzionario, e lì richiusi ben bene in un mausoleo sotterraneo dalle mura ciclopiche ricoperte di simboli egizi. Fosse mai che con tutto quel popù d'uranio dovesse davvero schizzare fra le stelle come un astronave.

Stefano Olivieri
http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it/


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi nucleare scajola arcore mausoleo

permalink | inviato da Stefano51 il 23/2/2010 alle 10:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001. posizionamento sui motori ricerca



IL CANNOCCHIALE