.
Annunci online

se sono partito ogni tanto devo pur tornare
LAVORO
25 marzo 2011
SIAMO TUTTI CLANDESTINI (di Stefano Olivieri)


 

Non guardate solo a Lampedusa. O meglio guardatela, ma pensate perché e in che modo sta diventando un caso nazionale. Al di là dei numeri, al di là dell’emergenza, al di sopra dell’opportunità fin troppo evidente, per la Lega, di rinfocolare lo spettro degli intrusi neri che vogliono violare la tranquillità e l’ordine precostituito della gente del nord, che vuole lavorare in pace ed essere padrona a casa propria.

Al di là di tutto questo osservare i clandestini che arrivano, che siano profughi doc o mascherati da tali, che siano tunisini oppure libici poco importa, al di là di tutto conta l’intima inquietudine che ci parte da dentro, quando ci accorgiamo che sì, anche fra di noi italianissimi rampolli di questo paese, cominciamo a sentirci clandestini di qualcosa, per qualcosa o qualcuno. Guardare Lampedusa è alla fine come guardarsi allo specchio.

Non è solo un fatto di pelle e di provenienza, non c’entra l’etnia nell’ostracismo cieco promosso dalla Lega nord e lentamente metabolizzato da buona parte degli italiani. All’origine di quella paura del diverso, c’è la paura, in prima persona,  di precipitare in una diversità che non paga, che non consente l’omologazione dalla parte giusta. Paura di vivere in salita, di vivere male con il freno a mano tirato mentre gli altri viaggiano spediti. Paura, e diffidenza per chi questa paura vuole esorcizzare.

Così è’ clandestino chi si iscrive a un concorso e non si fa raccomandare. E’ clandestino chi pretende l'applicazione di una legge, chi denuncia un sopruso, una violenza anche minima. E’ clandestino chi non riesce a stare zitto quando il prepotente di turno alza la voce, chi non si fa intimidire dal figlio di, dal nipote di, dal protetto di. E’ clandestina la donna che cerca lavoro e dice no grazie dopo una stretta di mano troppo invadente, è clandestina la ragazza che non si sente merce in vendita e non crede di avere il suo capitale fra le gambe.

E’ clandestino il padre di famiglia che tira su i figli a fatica, e quella fatica pretende di insegnar loro come lezione di vita. E’ clandestina la mamma che sconsiglia la figlia dal provarci con il ragazzo che le piace, prima che si metta con un'altra. E’clandestino l’amore pulito, fatto di batticuore, tremarella e rossore alle guance, è clandestino il pianto di gioia per aver superato un esame all’università, dopo le notti passate sui libri.

C’è un pezzo, un gran pezzo -credo io - di questo paese, che rivendica la sua clandestinità in questo paese sempre più finto, sempre più facilone, falso e arrogante. Siamo da qualche tempo invasi da una razza padrona, cafona e arrogante e soprattutto apolide, perché quando sposi il denaro hai perso la patria, la famiglia, l’intera comunità di valori e ideali. Cerchiamo per questo di rimanere noi stessi, di restare clandestini e riusciremo forse a risolvere anche il problema dell’italianissima Lampedusa. Oppure dovranno fare una Bossi-Fini anche per noi italiani, se vorranno metterci a tacere. Ma sarà più probabile che siano loro, a essere alla fine ricacciati nelle loro villette fra le montagne, a divertirsi con le corna celtiche.      

Stefano Olivieri

http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it 



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. clandestini razzisti leghisti

permalink | inviato da Stefano51 il 25/3/2011 alle 13:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
POLITICA
9 agosto 2009
CAPORALATO DI STATO ( di stefano olivieri)
 

Se settembre si preannuncia caldo sul fronte del lavoro, la cura governativa sarà una doccia gelatissima. L’effetto combinato del decreto sicurezza attivo da oggi e di quelli già operativi da tempo sarà infatti l’istituzione di un vero e proprio caporalato di stato, che mentre abbassa drammaticamente la sicurezza sul lavoro nell’industria e nei cantieri, dall’altra rischia di pregiudicare il paziente lavoro di integrazione di tante regioni e comunità locali che di manodopera extracomunitaria hanno avuto e continueranno ad avere bisogno in futuro. Badanti, ma non solo, dovrebbe dirsi quando si legifera, perché sono tanti i lavori che impegnano uomini e donne venuti da lontano nel nostro paese, e ciascuno ha la sua dignità e la sua utilità.

Se fossimo davvero in uno stato di diritto, dove non esista distinzione e diversità di trattamento fra i reati per ricchi ( falso in bilancio, corruzione, concussione, bancarotta fraudolenta, turbativa d’asta e chi più ne ha ne metta) e quelli dei poveracci, se fossimo dunque in un Italia diversa, che riuscisse a scrollarsi di dosso senza esitazione e senza paura il ciarpame da qualunque parte venga, sarebbe immensamente più semplice combattere l’ennesima illegalità di stato, questo reato di clandestinità che prescinde dalla persona, dalla sua condotta civile, dal fatto che lavori onestamente o meno e che abbia una famiglia sulle spalle. Oggi inizia la caccia ai clandestini, supportata dalle ronde volontarie. Ci sono già i primi fermi, è già pronto un plotoncino da avviare ad un rimpatrio che avrà, ci si può scommettere, una visibilità mediatica massima, così da tranquillizzare sotto ferragosto l’Italia sotto l’ombrellone, come dicendo : “tranquilli, mentre voi ve la godete al mare facciamo un po’ di pulizia, così quando tornate a casa sarete più sicuri.” In Italia è previsto l’anonimato soltanto per il denaro che rientra dall’estero, per la carne umana c’è arresto e rimpatrio, sempreché non appartenga alle pollastrelle che bazzicano villa Certosa, naturalmente.


Stranieri assassini, stuprafemmine e mangiabambini. Bossi tuona cercando di far leva sugli istinti più bassi del suo popolo, e se ne frega delle raccomandazioni di Napolitano. E rincara la dose, confermando la strategia leghista del doppio salario e delle gabbie salariali. Gli fa eco subito il premier, che dopo aver fatto la befana nella conferenza estiva ( il carbone naturalmente è toccato al TG3), rilancia il tema dei salari accoppiandolo al “piano per il sud” che ha in mente. Il piano gestito a palazzo Grazioli, una agenzia di affari che si è già molto distinta su come sfruttare a fondo le risorse del sud, in particolare per le badanti pugliesi del premier. Un piano gestito in prima persona dal premier, forse perchè in autunno calabria, puglia, sicilia e campania andranno al voto regionale, ed è bene partire subito con le promesse, tanto giù c'è tanta povera gente che crede ancora alle favole. Pensa bene Scalfari su Repubblica, questo lo chiamano federalismo ma  è un attacco bello e buono all’integrità della repubblica italiana, un tentativo di riproporre e anzi accelerare la secessione leghista senza avere il senso delle cose, senza neppure immaginare quali e quanti disastri l’Italia “federata” potrà incontrare.

Ditemi la verità, elettori di Berlusconi. Che ve ne farete di un presidente straripante oltre ogni libertà, anche la vostra ? Che beneficio potrete portare a casa in un paese che premia i furbi – e c’è sempre chi è più furbo di voi.. – e aumenta il suo debito con l’estero giorno dopo giorno ? Quale avvenire per i vostri figli se andiamo incontro con il sorriso sulle labbra a centinaia di migliaia di licenziamenti soltanto a settembre, se i capannoni e le botteghe continuano a chiudere ? Che ce ne faremo, che ne farete di un paese intero in cassa integrazione, quando il resto d’Europa comincerà a risollevarsi dalla crisi ? Stiamo andando verso la sconfitta di tutti, perché quando muore lo stato di diritto non vince nessuno, nessuno è più al sicuro.

Fermatelo, levategli la vostra fiducia, spegnete per un giorno la tv e pensate a dove stiamo andando. Questo di Silvio Berlusconi non è più nemmeno un governo di destra, non è più un governo e basta. La destra italiana non può appiattirsi così, perché il tempo è ancora più tiranno del premier e se non si interviene oggi, domani con Berlusconi si scioglierà tutto il pdl. Da democratico militante dovrei sperare che accada, da cittadino padre di famiglia sogno un paese maturo che sappia vivere quel passaggio senza lacerazioni e senza traumi. L’Italia e la sua democrazia sono un bene comune, che tutti insieme dobbiamo conservare, anche dopo Berlusconi.

Stefano Olivieri
http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it/

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001. posizionamento sui motori ricerca



IL CANNOCCHIALE