.
Annunci online

se sono partito ogni tanto devo pur tornare
16 agosto 2014
PER GAZA ( di Stefano Olivieri)

Vorrei che a Gaza giungesse davvero un canto d’amore planetario impetuoso e solenne, un coro immenso fatto dalle voci dei cittadini comuni che vogliono la pace. Ognuno di noi da solo può fare poco o nulla, però un miliardo di voci può diventare un boato inarrestabile, un uragano in grado di spazzare via la guerra di Gaza e quest’ odio assurdo e inutile che uccide e fa uccidere. Vorrei che il sangue fin qui versato diventasse un lago di roccia inossidabile impossibile da nascondere, una lapide immensa con i volti e i nomi di tutti i caduti israeliani e palestinesi, un monumento alla stupidità umana così grande da poter essere visto dallo spazio celeste. Vorrei che gli uomini, i bambini e i vecchi non fossero costretti a scavare gallerie come i topi per difendersi dalla morte che arriva dall’alto, ora ormai anche dal basso. Vorrei che Dio, semmai esiste, facesse sentire adesso la sua voce severa costringendo tutti, vincitori e vinti, a una resa incondizionata. La striscia di Gaza potrebbe tornare a essere la terra meravigliosa e fertile descritta dai Vangeli invece della fabbrica di odio e morte, che dalla prima intifada fino alla scomparsa del nostro povero Simone Camilli, continua a macchiare di vergogna l’intera umanità. Ho sempre seguito con grande passione, e purtroppo anche con un enorme senso d’impotenza, la vicenda di questo sciagurato conflitto, e da autore proprio su Gaza ho scritto un romanzo dove, pur da agnostico convinto, sono stato costretto, per riuscire a mettere la parola fine, a fare intervenire qualcuno al di sopra di questi capi bellicosi e stupidi, che sono tanto bravi nell’iniziare le guerre ma del tutto incapaci nel chiuderle. Si vis pacem, para bellum, scrissero i romani. Non c’è niente di più falso e di più dissennato, l’unico modo di ottenere la pace è distruggere le armi e detronizzare chi quelle armi governa per uccidere. Non c’è scampo alla morte, mentre la vita offre infinite opportunità a chi voglia vivere in armonia fra diversi. Crediamoci e schieriamoci tutti per una pace senza condizioni. Se la politica tentenna che si muovano i popoli interi.


























Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Gaza pace Israele eccidio

permalink | inviato da Stefano51 il 16/8/2014 alle 15:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
3 giugno 2010
Israele e la giustizia strabica ( di Stefano Olivieri)
 Dunque ricapitoliamo : Israele dice che gli aiuti umanitari diretti a Gaza avvantaggiano i terroristi, e che perciò gli attivisti delle navi della flottiglia di pace vanno trattati alla stregua di terroristi. Il nostro governo evidentemente gli crede, perchè ha votato contro la commissione di inchiesta Onu sulla vicenda.

E' singolare questo modo di ragionare, perchè è strabico. Ammettiamo per un attimo di dar credito a Israele, e diciamo che tutti a Gaza, compresa la popolazione civile, i vecchi, le donne e i bambini, sono tutti terroristi. Un terrorista in difficoltà, affamato, ferito  e senza alcune risorse, resta dunque un terrorista.

Un ricco israeliano, che manda i suoi soldati in acque internazionali a fare una vera e propria azione di pirateria su navi senza armi, sulle quali fa salire i suoi soldati per ferire, sparare e anche uccidere, quello no, non è un terrorista. E' un israeliano che si difende.

Un terrorista ferito e ammalato resta un terrorista, un ricco delinquente è prima di tutto un ricco. Che dispone di eserciti, armi, elicotteri, napalm per fare ciò che vuole.

Stefano Olivieri

http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it/


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. israele attacco alle navi umanitarie

permalink | inviato da Stefano51 il 3/6/2010 alle 14:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
15 gennaio 2009
AMA IL PROSSIMO TUO E POI AMMAZZALO ( di Stefano Olivieri)

Con quali motivazioni oggi l’occidente si schiera in difesa dello stato di Israele, malgrado ciò che sta succedendo a Gaza ? Se i morti sono tutti uguali – e ci mancherebbe se non fosse così – che cosa fa passare in secondo piano l’enorme, mostruosa sproporzione fra il numero delle vittime israeliane e quello delle vittime palestinesi, per due terzi civili e con tanti, troppi innocenti bambini ? Me lo chiedo e lo chiedo, da padre di famiglia, da uomo della strada che osserva il proprio governo schierarsi deciso dalla parte di Olmert, che osserva legittime, democratiche manifestazioni di piazza in favore della stella di David.

Che cosa c’entra la religione ? Nulla. Il favore, tradizionale e generalizzato con cui l’occidente europeo ( e non) ha sempre guardato a Israele ha certo radici lontane, radicate nel terribile olocausto per mano nazista. Una vergogna per l’intera umanità, che dal dopoguerra ad oggi si è cercato di esorcizzare in ogni modo, consentendo a Israele e al suo popolo di ritornare nella sua terra. Quale sia poi esattamente la terra di Israele, e quali i confini, è ancora materia di conflitto, purtroppo. Ma anche un popolo perseguitato deve osservare le regole scritte dagli uomini, le convenzioni internazionali, ad esempio. Quando si passa dalle parole alle armi è una sconfitta preventiva della ragione, un errore che costa sangue. Ma quando si persevera nell’errore la comunità internazionale non può restare a guardare, perché così si torna indietro, non si va avanti. L’olocausto, l’eccidio, la strage di innocenti che arriva dal cielo sotto forma di neve scintillante e omicida è cronaca di questi giorni, i corpi bruciati dei bambini di Gaza non sono poi molto diversi da quelli di Auschwitz. Il perseguitato che diventa persecutore, la vittima che si fa carnefice. Non scandalizziamoci perché è tutto nella limitata natura umana, piuttosto riflettiamo sul vero obiettivo di Israele, quello di rimuovere il potere di Hamas dal governo della Palestina. Un governo eletto democraticamente come quello dello stato di Israele, che fra breve tornerà alle elezioni, ed è anzi probabilmente proprio per beceri fini elettorali che si è decisa l’invasione di Gaza.

Una definizione ricorrente quando si parla dell’operazione “piombo fuso” è quella della legittima difesa. Argomentazione risibile quando parliamo di intifada, perché è praticamente impossibile stabilire chi ha lanciato la prima pietra, o il primo razzo. Dalla discesa di Ariel Sharon nel piazzale delle moschee nel 2001, da una parte all’altra è stato un continuo accusarsi l’un l’altro dei morti, degli attentati kamikaze, dei missili teleguidati dagli elicotteri. I morti sono morti e non parlano, i vivi hanno il dovere di rimettersi a parlare e interrompere una volta per tutte una guerra inutile per tutti, tranne per chi ci specula su.

Ama il prossimo tuo come te stesso. Se fosse vero i confini fra Israele e Palestina sarebbero stati fissati e rispettati da tempo. Dunque la religione non c’entra, e non c’entrano niente nemmeno le supposte radici cristiane dell’occidente. Di legittimo eccesso di difesa e di guerre preventive l’umanità farebbe volentieri a meno, se potesse davvero scegliere. Non importa se tu sia cristiano, arabo, ebreo o islamico, se ami la pace sai da che parte schierarti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. palestina israele gaza legittima difesa piombo fuso

permalink | inviato da Stefano51 il 15/1/2009 alle 9:36 | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001. posizionamento sui motori ricerca



IL CANNOCCHIALE