.
Annunci online

se sono partito ogni tanto devo pur tornare
1 luglio 2015
Sbafante ( di Stefano Olivieri)


In diretta da Berlino, alla conferenza congiunta con la Merkel, Matteo Renzi: “Il referendum in Grecia è un errore”.In un momento del genere le parole sono pietre. A prescindere dalle opportunità economiche (e interesserebbe davvero a tutti sapere quanto e come il nostro paese sia esposto con lo Stato ellenico, in parole povere quanto andrebbe a perdere l’Italia nel caso di un’uscita della Grecia dalla UE, visto che Renzi l’altro ieri è tornato sul tema dicendo che si trattava di un referendum fra euro e dracma ben sapendo che invece il premier greco tiene a restare dentro l’euro), a prescindere dunque da tutto questo mi preme sottolineare come il premier italiano, nella sua ansia rottamatrice, abbia creduto opportuno allontanarsi da quel bilateralismo che ha sempre caratterizzato la politica estera italiana riferita all’area mediterranea.
Che cosa hai in mente Matteo, e con chi hai concordato queste tue uscite? Forse con il tuo partito, con il consiglio dei ministri? Oppure hai fatto tutto da solo, pensando anche tu di essere unto del Signore?
Che cosa diresti se Tzipras venisse a ficcare il naso e a commentare il tuo italicum, o il jobs Act?
Arrogante e presuntuoso, ecco che cosa sei. In calabria hanno un termine per i tipetti come te, li chiamano “sbafanti”.
Forse ti serve qualche giorno di vacanza, mi pari confuso. Vattene un po’ al mare o in montagna, possibilmente usando voli di linea per favore, non vorrai dare anche questo aiutino a Salvini e a Grillo.

Stefano Olivieri
http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. merkel renzi berlino grecia default tzipras

permalink | inviato da Stefano51 il 1/7/2015 alle 17:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
26 giugno 2010
MI FACCIO L'ISOLA ( di Stefano Olivieri)
 






Le barche, che volgarità. Adesso il nuovo trend per i ricconi planetari è farsi un’isola, con spiagge, rocce, alberi e isolani incorporati se ci sono. La Grecia, in grave crisi di liquidità, non ci ha pensato su tanto e ha già preparato il suo bel postalmarket di ben seimila fra isole e isolette, per tutti i gusti e tutte le tasche. Beh insomma, per tutte le tasche si fa per dire, visto che quella più economica costa un milione e mezzo di euro. Che comunque non sono tanto di più di un appartamento, se Scajola si fosse distratto un po’ di più può darsi che qualcuno gliene avrebbe anche ragalata una, al posto di quello squallido mezzanino da 900mila euro di fronte al Colosseo.

Comunque l’idea del governo greco rischia di trovare emuli qui da noi, che stiamo nel bel mezzo di una manovra finanziaria che punisce soltanto i poveri e non tocca i ricconi. Il popolo – anche quello di destra – comincia a mormorare parecchio e qualcosa si potrebbe muovere al governo. Bossi, sempre molto preoccupato del “territorio”, potrebbe ad esempio telefonare al ministro Tremonti, più o meno così :

Bossi : - Uè, Giulio, guarda che per la manovra ho trovato la quadra.. –

Tremonti : - E sarebbe…? Guarda che non c’ho tempo da perdere, qui abbiamo già raschiato il fondo del barile… -

Bossi : - Ma lascia perdere la calcolatrice e il barile. Ho una cosa da dirti che rimette tutto a posto, e fa anche terminare la caccia alle streghe scatenata dalla sinistra contro gli italiani ricchi ed evasori. –

Tremonti : Già ! Qualunque idea sia, Silvio non te la farà passare. Sai quanto tiene lui al suo elettorato…-

Bossi : - Ma se è stato proprio lui a suggerirmela… -

Tremonti : - Ah beh, potevi dirlo subito, no ? Di che cosa si tratta ? –

Bossi : - Silvio si compra la Sardegna e sana lui il bilancio … -

Tremonti : - Magnifico ! E quando…? –

Bossi : - Subito. Il tempo di dettare un paio di regolette a Bonaiuti per la stampa…-

Da indiscrezioni provenienti dall’idraulico di palazzo Grazioli apprenderemmo che queste regole sono state già trascritte nella bozza di un ddl che avrà precedenza assoluta in Parlamento. Il titolo del provvedimento è “Norme per il demanio marittimo nel mar tirreno”, piuttosto generico, ma al suo interno c’è il passaggio dallo Stato italiano a una società anonima ( la “Vincenti Imprenditori Grassi Associati Ricchi Anonimi”) dietro la quale si cela il premier. La società V.I.A.G.R.A. rileverà tutta la regione Sardegna compresa la Maddalena, così sarebbe risolto alla radice anche il fattaccio del mancato G8.

Circa le norme contenute nel provvedimento, spiccherebbe certamente l’estradizione immediata dall’isola di tutti gli abitanti con cognome Zappadu e l’obbligo per la popolazione femminile dai 18 ai 60 anni di indossare un burqa completamente trasparente.

Il premier pretenderebbe anche che tutta l’isola venga considerata residenza di stato e dunque sia perennemente protetta da tutta la flotta militare italiana. In cambio prometterebbe di sanare tutti i buchi di bilancio lasciati dalla sinistra fino alla fine della attuale legislatura, purchè siano nel frattempo azzerati tutti i partiti dell’opposizione e i sindacati non appecoronati, e la gente non mugugni più per le strade e nelle piazze e si mostri invece sorridente e felice ogni volta che compare una telecamera di Rai o Mediaset.

Il vicerè Cappellacci, non appena appresa la notizia, potrebbe così commentare :

- Era ora che qualcuno mi tirasse fuori dai casini –

Speriamo non accada sul serio, perchè al peggio non c'è mai fine, qui da noi.


Stefano Olivieri
http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it/

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001. posizionamento sui motori ricerca



IL CANNOCCHIALE