.
Annunci online

se sono partito ogni tanto devo pur tornare
14 gennaio 2011
DI NUOVO RUBY (di Stefano Olivieri)

A botta calda, non appena la Corte ha confermato l’anticostituzionalità del lodo Alfano, i magistrati bolscevichi si sono rifatti sotto. Senza alcuna delicatezza per l’attempato premier, che giusto voleva pacificare gli animi dopo tanta tensione, e si era preparato un bel discorsetto alla camomilla per il parlamento.

Invece no, torna Ruby, la Ruby più procace, più sexy, più trasgressiva, più minorenne che mai. E anche tanto sventata, perché della sua relazione con il premier ha lasciato tante tracce digitali, che la giustizia italiana ha raccolto meticolosamente. Abbastanza materiale da certificare una presenza della ragazzina piuttosto continua in quel di Arcore, ma anche in Sardegna. Ora si capisce meglio la telefonata notturna in questura di Silvio, e le sue frottole su Mubarak.
 
Il premier al solito casca dalle nuvole (è da una vita che lo fa, certo che volava bello alto…) e dichiara che è tutta una montatura dei giudici. I giudici di Milano pensano invece, evidentemente, che a montare sia stato lui e parlano di “prove evidenti” e di processo con rito immediato, come si conviene nel caso di reati particolarmente efferati come quello ipotizzato in questo caso (concussione e prostituzione minorile).
 
Berlusconi è un tipo fantasioso e cercherà ancora una volta di stupire l’Italia con il classico coniglio che esce dal suo cappello. Vediamo quali , per ipotesi, potrebbero essere i motivi per cui l’ammaliante Ruby si è trovata spesso e volentieri a casa sua :
 
1.    E’ davvero la nipote segreta di Mubarak e vuole essere lanciata da Berlusconi nel firmamento televisivo italiano;
 
2.    E’ una stagista che sta facendo pratica per entrare nel gabinetto del premier;
 
3.    E’ una figlia segreta di Berlusconi, venuta a reclamare la sua quota di eredità;
 
4.    E’ la badante del premier, in prova per impratichirsi della lingua;
 
Sui nuovi sviluppi del caso Ruby è stato anche intervistato Emilio Fede, che un po’ piccato ha risposto che lui è tranquillo perché con la ragazzina non ci ha fatto nulla e alla fine ha mandato affanculo l’intervistatrice. 
Lo farebbe volentieri anche Berlusconi ma con i giudici anche un premier come lui deve andare cauto, perché altrimenti scatta anche il reato di oltraggio alla corte. Comunque Feltri l’aveva detto : “Quello cade sulla gnocca”.
 
Stefano Olivieri
21 gennaio 2009
Retequattro, un divieto di sosta da un milione di euro ( di Stefano Olivieri)
 



E il bello – anzi il brutto – è che questa multa non la pagherà Berlusconi proprietario di Mediaset e di Retequattro, ma lo Stato italiano, cioè tutti noi. E’ l’ennesimo tributo che il popolo italiano paga alla ennesima sopraffazione di un uomo che ha scelto la politica e il suo potere per alimentare e consolidare il suo patrimonio personale.

Il Consiglio di Stato ( qui trovate tutti i particolari della vicenda) ha finalmente chiuso – e va detto : con uno sconto consistente a Berlusconi – la decennale diatriba fra Mediaset ed Europa 7, il network dell’imprenditore Francesco Di Stefano, titolare legittimo di un diritto di concessione per una tv nazionale sancito da sentenze della Corte Costituzionale italiana e della Corete di Giustizia europea.

Di Stefano aveva chiesto 3,5 miliardi di risarcimento, e il milione di euro in arrivo suona come una beffa. Ancor più se poi tutto rimarrà come prima, visto e considerato che in casa Rete4 non c’è aria di smobilitazione.

Cari cittadini italiani che avete votato Berlusconi, ma quanto ci costa questo salvataggio di Mediaset ? Sarebbe pure giusto che questa multa se la paghi il popolo della libertà e non tutto il popolo italiano.

Berlusconi in Tunisia, il più bel sogno che ci sia…

Stefano Olivieri

http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001. posizionamento sui motori ricerca



IL CANNOCCHIALE