.
Annunci online

se sono partito ogni tanto devo pur tornare
4 luglio 2011
POTERE A CHI LAVORA! (di Stefano Olivieri)

Roma 4 Luglio 2011. Manovra: tagli alle pensioni a cominciare da 1500 euro, blocco dei contratti di lavoro, nessuna diminuizione alle bollette Enel ma anzi aumenti di benzina e carburanti. Colpita ( e affondata a questo punto) la classe lavoratrice del paese, olgettine, cricche e caste ringraziano sentitamente. Questa è una sfida, indecente e cattiva, al malessere delle classi più disagiate della popolazione italiana.

Se Napolitano firma questa indecenza non resta altro che la rivoluzione. E' già scattato il tamtam sulla rete, il sindacato CGIL annuncia uno sciopero per il 15 ma occorre muoversi subito e stavolta si fa sul serio. Presìdi e cortei  in tutte le città e una marea umana di tre milioni di lavoratori si riversi a Roma sotto il palazzo per invitare questo dispotico governo ad andarsene il più presto possibile. 

Hanno suonato le loro trombe, noi suoneremo le nostre campane da tutti i campanili di Italia, a cominciare dalle terre del nord dove la Lega pensa a pasteggiare a bistecche d'orso invece di occuparsi della miseria incombente.

E' ORA, POTERE A CHI LAVORA!

"Che roba Contessa all'industria di Aldo
han fatto uno sciopero quei quattro ignoranti
volevano avere i salari aumentati
gridavano, pensi, di essere sfruttati
e quando è arrivata la polizia
quei quattro straccioni han gridato più forte
di sangue han sporcato il cortile e le porte
chissà quanto tempo ci vorrà per pulire."

Compagni dai campi e dalle officine
prendete la falce portate il martello
scendete giù in piazza picchiate con quello
scendete giù in piazza affossate il sistema.

Voi gente per bene che pace cercate
la pace per far quello che voi volete
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra
vogliamo vedervi finir sotto terra
ma se questo è il prezzo l'abbiamo pagato
nessuno più al mondo deve essere sfruttato.

"Sapesse Contessa che cosa m'ha detto
un caro parente dell'occupazione
che quella gentaglia rinchiusa là dentro
di libero amore facea professione.
Del resto mia cara di che si stupisce
anche l'operaio vuole il figlio dottore
e pensi che ambiente che può venir fuori
non c'è più morale, Contessa."

Se il vento fischiava ora fischia più forte
le idee di rivolta non sono mai morte
se c'è chi lo afferma non state a sentire
è uno che vuole soltanto tradire
se c'è chi lo afferma sputategli addosso
la bandiera rossa gettato ha in un fosso.

Voi gente per bene che pace cercate
la pace per far quello che voi volete
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra
vogliamo vedervi finir sotto terra
ma se questo è il prezzo l'abbiamo pagato
nessuno più al mondo deve essere sfruttato.

Ma se questo è il prezzo l'abbiamo pagato
nessuno più al mondo deve essere sfruttato.

Stefano OLivieri

http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it

 

 

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001. posizionamento sui motori ricerca



IL CANNOCCHIALE