.
Annunci online

se sono partito ogni tanto devo pur tornare
POLITICA
6 gennaio 2011
PASSATA LA FESTA GABBATO LO SANTO ? E NO. 2011, ORA DEVONO PAGARE ( di Stefano OLivieri)

 
Meno male, è arrivata l’epifania che tutte le feste si porta via. Da domani si potrebbe, si dovrebbe tornare a parlare di cose serie, speriamo, e il governo dovrebbe pensare agli italiani.
 
Gli ultimi spunti mediatici di queste festività ci hanno regalato Berlusconi vestito da metronotte che insieme alla befana accompagnava Torreggiani. Poi Tremonti che parla di videogames e di crisi, e dice che abbiamo sconfitto un mostro ( …ma chi ? e quale mostro ?) e adesso ne arriva uno più grosso e feroce. Capita l'antifona ragionier Tremonti, tanto sappiamo poi chi paga.
 
Bossi ciuccia latte alla palude romana e poi torna sulle sue montagne a fare la voce grossa. Alfano che timidamente batte cassa per la giustizia, Romani che si accorge solo adesso del cartello delle assicurazioni, Larussa che non sa che pesci pigliare per i soldati morti che continuano a rientrare dalle missioni di pace.
 
Intanto è stato varato il solito decreto mille proroghe, che testimonia come questo governo intenda tirare a campare senza scegliere. Niente aumenti degli incentivi per il fotovoltaico, poi 400 milioni per il cinquepermille ( e dovrenmmo pure ringraziare…) ma un bel taglio ai fondi dell’editoria (a danno naturalmente dei piccoli e delle tv locali, niente rischi per il cavaliere imprenditore).
 
Berlusconi è ancora a caccia di deputati, fino all’undici gennaio, che è poi la data che conta per verificare quanto di buono o meno buono ci porterà quest’anno 2011. Io consiglierei a questo punto, per non sbagliare, lagenda per la prossima settimana. Ormai si naviga a vista, ma è arrivata l'ora delle scelte :
 
1.    di costringere il PD a smetterla con questa politica dei due forni tutta interna al centrosinistra. Scelga una buona volta fra Vendola e Casini, perché così facendo non fa altro che alzare le quotazioni di borsa di Pierfendi e di quella bufala del quoziente familiare che si porta dietro. Questo governo ha svoltato a destra da un pezzo, per riguadagnare la retta via bisogna svoltare a sinistra almeno fino a quando si sarà realizzata una giusta redistribuzione del reddito, siamo stanchi di furbi e ladroni. Se negheranno le primarie il partito esploderà come un palloncino. Io voterei Vendola ma rimarrei in questo PD, perchè voglio farlo diventare più forte e più vicino al paese.
 
2.    Di contrastare tutti, apertamente e indistintamente, il piano schiavista di Marchionne e Sacconi, che non solo non attirerà investimenti in Italia ma porterà nelle fabbriche un clima da caccia alle streghe. Attenzione bucanieri, gli operai con la pancia vuota e la testa piena di pensieri diventano davvero delle brutte bestie da gestire.
 
3.    di mobilitarsi tutti in una manifestazione nazionale che unisca giovani e vecchi, studenti e operai, uomini e donne, occupati  disoccupati e precari in una sola voce : ANDATEVENE VIA ! Il giorno ? Io ho pensato all’undici gennaio, ma sarebbe meglio il giorno prima altrimenti finisce che la Corte fa slittare di nuovo la sentenza.
 
Non siamo più in democrazia, da un pezzo. Il governo nasconde i conti che sono sicuramente in rosso e quest’anno i nodi verranno al pettine. Di solito i bari quando vengono scoperti la buttano in caciara e cercano di rovesciare il tavolo, e per questo noi tutti DOBBIAMO FERMARLI PRIMA perché siano evidenti le loro responsabilità. Forza italiani riprendiamoci questo paese.

Stefano Olivieri

http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. primarie vendola bersani spallata 11 gennaio

permalink | inviato da Stefano51 il 6/1/2011 alle 14:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001. posizionamento sui motori ricerca



IL CANNOCCHIALE