.
Annunci online

se sono partito ogni tanto devo pur tornare
POLITICA
26 settembre 2010
DISTRAZIONI DI MASSA, AVANTI UN ALTRO! (di Stefano Olivieri)
 

Se Dio vuole questa storia si concluderà a breve. Ci potrebbero fare un film, anzi praticamente l’hanno realizzato in diretta e ce l’hanno propinato per tutta l’estate. Non si chiama “L’appartamento” soltanto perché quel titolo è già impegnato, dal 1960, dal capolavoro di Billy Wilder e Jack Lemmon. Ma almeno nel film di Wilder dell’appartamento abbiamo visto l’interno, qui invece soltanto una sequela di carte bollate, vere o false che siano.

Berlusconi avrà dunque la testa di Fini? Forse, ma potrebbe essere per lui una vittoria di Pirro. In Italia si dice “il bue dice cornuto all’asino” e il cavaliere di case, e castelli ne ha comprati a bizzeffe. Soldi suoi ? Certamente, ma solo fino a prova contraria dal momento che sull’origine delle sue immense ricchezze lui è stato sempre molto vago, soprattutto con i giudici. E dal momento che ha continuato ad arricchirsi sempre proprio più durante il governo della cosa pubblica, qualche dubbio ce l’abbiamo. Ad esempio il forziere della protezione civile, quello imbottito dei miliardi dei soldi spediti per sms dagli italiani, che per espresso volere di Berlusconi è sotto la giurisdizione e il controllo diretto della Presidenza del consiglio e non del ministero dell’economia. Una questione da me sollevata in passato proprio da questo blog, che ho scoperto recentemente essere diventata oggetto di interrogazione parlamentare da parte di Cimadoro dell’IDV (Ordine del Giorno 9/3196-A/35 -venerdì 19 febbraio 2010, seduta n.286 ) . Cosa che mi ha fatto piacere, segno che ogni tanto anche il tamtam del web arriva in parlamento.

Comunque dal momento che non si è avuta mai una risposta chiara sull’argomento, chi come il sottoscritto non si fida del Berlusconi politico ha tutto il diritto di chiedergli che fine hanno fatto tutti quei soldi offerti generosamente dalla popolazione italiana. E dal momento che le chiavi del forziere della solidarietà  ( non sono spiccioli: centinaia di milioni. Fra tsunami del 2004, terremoto in Abruzzo e ad Haiti, almeno 650 milioni di euro, e mi tengo basso) ce le ha in tasca il premier, così come si chiede conto a Fini dell’appartamento a Montecarlo, si dovrebbe chiarire al 100% il dubbio che le “cene simpatiche del cavaliere” a palazzo Grazioli con pernottamento delle gentili ospiti, le feste in Sardegna documentate da Zappadu, i festini in Brasile, le farfalline dorate e i numerosi appartamenti finiti nella disponibilità di signorine amiche del cavaliere siano stati totalmente finanziati dalle tasche personali del premier e non da altro, visto che spesso e volentieri ha dimostrato di confondere, anzi di identificare i suoi personali interessi con quelli di tutto il popolo italiano. Anche perchè fra l'altro attorno a questo bendidio della protezione civile hanno cominciato a circolare come mosche attorno al lardo  le "cricche" accreditate a palazzochigi di cui abbiamo appreso dalle intercettazioni, le famose intercettazioni che proprio il premier desidera tanto abolire con apposito ddl.

Insomma, per farla breve la fiction Tulliani si avvia a conclusione e in fondo Berlusconi, anche se Fini dovesse rimanere al suo posto, ci ha comunque guadagnato : per tutta l’estate si è parlato di questo e i numerosi impegni del governo del fare sono stati derubricati dall'attenzione di giornali e tv. Ora non so se Berlusconi farà o meno il famoso discorso ecumenico il giorno del suo compleanno, dopo le dichiarazioni di Fini qualcosa cambia e lo stesso Giuliano Ferrara – che la sa lunga – dal suo "Foglio quotidiano" consiglia al cavaliere di starsi quieto e vivacchiare, rinunciando anche alla performance da grande statista. E' più che probabile che il suo discorso non sia un ultimatum ai finiani, e che non si richieda nessuna fiducia parlamentare, tentando di continuare a galleggiare. Ma se sul documento non ci sarà voto di fiducia i finiani sasranno ancora più liberi di valutarlo (sopratutto per il capitolo giustizia) e i guai per il cavaliere potrebbero diventare seri, anche perchè le elezioni anticipate le vuole davvero soltanto la Lega che sa di crescere, mentre per gran parte dei peones del PDL si tratterebbe di tre anni di stipendio da parlamentare in meno con la prospettiva di un salto nel buio...

Dunque il rischio è che si vada a una nuova fiction, così da annacquare l'attenzione dell'Italia sulla stretta finale (sarà certamente una nuova porcata legislativa) per l'ennesimo scudo giudiziario di Berlusconi. Tutti certamente preferiremmo un governo del fare sul serio, perchè le miserie italiane cominciano a diventare importanti, ma probabilmente è proprio per questo motivo che Berlusconi e i suoi, sempre più inadeguati per un'Italia in caduta libera e sempre più pressati dalle esigenze giudiziarie di Silvio, la butteranno in caciara con qualche altra fiction. Perchè per Silvio gli elettori sono prima di tutto telespettatori un po' cretini, a cui basta regalare il culo di Belen quando sono depressi per ritirarli su.

Perché allora a questo punto non gli chiediamo ( PD, questa è una richiesta per i tuoi parlamentari), invece del solito ritrito panem et circenses,  di rendicontare fino all’ultimo centesimo proprio sullo stato dei fondi della solidarietà, che sono stati posti per suo volere nella diretta disponibilità della Presidenza del Consiglio ? Non vorrei davvero che il mio sms per l’Abruzzo fosse davvero finito in mignotte.

Stefano Olivieri

http://democraticoebasta.ilcannocchiale.it

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1078986 volte

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001. posizionamento sui motori ricerca



IL CANNOCCHIALE